Amazon Scout il Piccolo Robot che Consegnerà i Pacchi Porta a Porta

Cos'è e come funziona Amazon Scout

Il primo robot del colosso dell’e-commerce si chiamerà Amazon Scout. L’obiettivo sarà quello di automatizzare le consegne e rendere il loro processo ancor più veloce, di quanto già accada con il servizio in abbonamento Prime.

Di recente il piccolo robottino è stato avvistato in uno dei quartieri molto vicini alla filiale di Seattle, nello specifico la zona è quella di Washington. I primi test sul suo pubblico non sembrerebbero esser andati male, la preoccupazione però, è che l’innovazione possa sostituire i “corrieri umani“.

Cos’è e come funzionerà Amazon Scout? Tutti i dettagli sul robot

Amazon Scout è la nuova invenzione di Jeff Bezos, che grazie al suo sistema intelligente riuscirebbe a consegnare i pacchi ai destinatari con il classico metodo del porta a porta. Le sue dimensioni sono paragonabili a quelle di un frigo-portatile, e il movimento sarà possibile grazie alle sei ruote.

I primi test sono e continueranno ad esser effettuati a Washington, nello specifico in uno dei quartieri vicini alla sede in cui è presente il colosso del commercio elettronico, la zona su cui aggira momentaneamente il robot si chiama Snohomish.

La sperimentazione prevede che vengano effettuate diverse prove, con sei robot che sotto la supervisione umana, quest’ultimi consegnino tempestivamente e senza difficoltà o senza che compiano danni se dovessero presentarsi ostacoli per strada, come pedoni, veicoli e altro ancora.

Qualora tutto ciò avvenga senza problemi, il prossimo step sarà quello di analizzare e proseguire con altri test presso edifici pubblici e campus universitari. Insomma, parliamo di luoghi abbastanza affollati laddove lo Scout di Amazon potrebbe confondersi con facilità.

Amazon Scout, l’automatizzazione è quasi pronta, mancano gli ultimi dettagli

Dopo le fasi di test, gli ultimi dettagli (regola che vale per ogni progetto) sono quelli più importanti. Secondo Amazon, il robot corriere Scout sarebbe già pronto e il suo sistema riconoscerebbe ogni eventuale pericolo cittadino: dai pedoni all’attraversamento in strada per poi evitare gli animali.

Un sistema che se fosse realmente così intelligente, sicuramente rientrerebbe tra i migliori della categoria. Solo qualche dubbio però, ci frulla nella mente: il corriere automatico del colosso di Bezos, come riconoscerà la persona a cui consegnare il pacco?

Seppur importante, la tecnica di riconoscimento integrata su Scout, non è stata accennata né dai leaker del settore e né tanto meno dalla società statunitense. Sicuramente non ci resta che attendere i dettagli direttamente da Amazon, semmai li svelerà.

Non sappiamo ancora se il servizio dovesse funzionare correttamente, se potremmo mai vederlo in Italia. Quel che possiamo dirvi è che la domotica sta prendendo piede a vista d’occhio, quindi tra qualche anno non ci stupirebbe più l’idea che un robot possa bussarci al campanello della porta.

Maurizio Festa

Maurizio si occupa di Web e di Mondo Digitale da parecchi anni, apre Supercellulari nel 2018 per provare a spostare l'asticella dell'interesse commerciale su argomenti meno noti alla massa è più di settore.

Read Previous

Lenovo Legion T530; Ecco la Recensione di Supercellulari

Read Next

Crypto Cash Back ha Rubato Bitcoin per un Valore di Milioni di Euro

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *