Huawei svela il suo sistema operativo Harmony

Huawei ha calato l’asse da 90 e dopo la guerra dei mesi scorsi con Donald Trump, mostra i muscoli e durante la conferenza degli sviluppatori di Huawei a Dongguan annuncia per bocca del suo Ceo Richard Yu il lancio del nuovo sistema operativo Harmony

Per ora su Huawei rimarrà Android, ma in caso di strappo la casa produttrice Cinese è pronta alla svolta

Il progresso passa direttamente nelle parole del Ceo del gruppo, che ha spiegato agli sviluppatori e agli investitori che l’intenzione della casa madre è quella di mantenere Android sui propri cellulari, e quindi di predisporre per ora Harmony solo per dispositivi connessi come Tv, Speaker ed eventuali auto a guida autonoma che presto usciranno.

Quindi per ora sui dispositivi Huawei continueremo a trovare il sistema operativo made in google, ma sicuramente è un grosso passo avanti nella situazione di stallo nelle vendite che ha visto piegarsi le % della casa Cinese.

Per Huawei dopo l’annuncio si pensa che possa riprendere a correre nelle vendite, essendo materialmente pronta a fare uno switch di sistema operativo sui prodotti che usciranno, anche perché materialmente gli utenti si affezionano ai dispositivi anche per prestazioni e prezzo e non solo per il sistema operativo come succede normalmente per Apple.

Ora le sanzioni potrebbero pesare meno sulle vendite

Anche se non abbiamo dettagli sul sistema operativo ed è tutto ancora avvolto molto nel fumo, la mossa di Huawei alza l’asticella del gioco e dove prima era fondamentale per la casa produttrice ricucire i rapporti con Google e gli Stati Uniti, ora il coltello gira direzione e passa nettamente in mano ad Huawei che non ha certamente molto più bisogno del sostegno di un sistema operativo come Android.

Con il lancio del nuovo sistema operativo Harmony siamo sicuri che uno dei grossi problemi in questa situazione potrebbe averceli Google che perderebbe una grossa fonte di utenti e i loro relativi dati di profilazione che ogni giorno regaliamo utilizzando alcuni servizi.

Vedremo nei prossimi giorni quali saranno gli sviluppi della situazione e come evolveranno le cose, anche se siamo quasi convinti che ora nessuno abbia un grosso guadagno a rompere con la parte controversa.

Maurizio Festa

Maurizio si occupa di Web e di Mondo Digitale da parecchi anni, apre Supercellulari nel 2018 per provare a spostare l'asticella dell'interesse commerciale su argomenti meno noti alla massa è più di settore.

Read Previous

Come scegliere una reflex per fare video?

Read Next

La migliore app di fotografia su iPhone: Lightroom

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *