La migliore app di fotografia su iPhone: Lightroom

La migliore app di fotografia per iPhone: Lightroom

Lightroom è senza dubbio la miglior app per fare fotografie su iPhone. Se sei un appassionato di fotografia probabilmente conosci già questa applicazione. Si tratta infatti di una costola del più importante programma desktop usato dai fotografi per il ritocco delle immagini, Lightroom CC, nonché parente stretto del blasonato strumento professionale di editing usato da creativi di tutto il mondo, Photoshop.

Screenshot su Lightroom nell'album di Giulio Riotta
Qualche screenshot realizzato direttamente su Lightroom da iPhone. A sinistra la gestione delle immagini e a destra un’immagine pronta per essere ritoccata con tanto di istogramma.

Da quando Lightroom di Adobe è atterrato sull’App Store di certo il mondo della fotografia su iPhone non è più lo stesso. Scopriamo insieme perché!

Perché Lightroom è la miglior app di fotografia su iPhone

Che tu voglia fotografare il cibo con lo smartphone o che voglia ritrarre un bel panorama in montagna, poter contare su una app di fotografia completa rappresenta un grandissimo vantaggio. Perché ti permette di non dover saltare da un’applicazione all’altra per intervenire sulla fotografia appena fatta e apportare eventuali modifiche.

Prima che Photoshop Lightroom esordisse sull’App Store era necessario utilizzare una o due applicazioni per scattare le fotografie, in base alla difficoltà della scena, un’altra app per raddrizzare le linee, un’altra ancora per cancellare eventuali elementi di disturbo e ancora per backup, etc.

Interfaccia di scatto PRO su Lightroom mobile
Fotocamera in azione con tempi di esposizione, gestione ISO, bilanciamento del bianco live e tante altre funzionalità.

Oggi grazie a Adobe Photoshop Lightroom – questo il nome preciso su App Store – tutto questo non è più necessario, grazie appunto alla presenza di tutti questi strumenti direttamente in seno all’app per fare foto di Adobe.

5 motivi per scegliere Lightroom come app per fare foto su iPhone

Se sei alla ricerca della migliore app per fare foto con iPhone dunque di certo il consiglio è quello di provare Lightroom. Non solo perché, come avrai intuito, avrai la possibilità di modificare gli scatti a tuo piacimento, ma anche per le numerose funzionalità professionali del programma che consentono di scattare le immagini proprio come se avessi tra le mani una DSLR, cioè una macchina fotografica digitale.

Ritocco delle immagini di Giulio Riotta su iPhone
Per iniziare il ritocco è sufficiente cliccare sulla singola immagine dell’album. Da qui è possibile poi procedere alla modifica della foto intervenendo proprio come nella versione desktop.

E ora vediamo quali sono i 5 motivi imprescindibili per i quali dovresti affidarti a Photoshop Lightroom per scattare le tue foto.

iPhone come una macchina fotografica grazie a modalità PRO

Già in fase di scatto la gestione della fotocamera proposta da Adobe si dimostra operare su un livello al di fuori dello standard. La modalità PRO infatti consente di usare la camera proprio come se avessimo tra le mani una fotocamera digitale, agendo su tempi di esposizione, ISO, formati – tra DNG (cioè RAW) e JPG, ma soprattutto potendo contare su segnalatori di alte luci per evitare l’effetto “bruciato”.

Scattare foto da Lightroom per iPhone
Ancora uno screenshot della modalità di scatto PRO.

Lightroom è GRATIS per iPhone

A differenza di molte altre applicazioni che propongo qualcosa di simile, Lightroom propone la stragrande maggior parte delle sue funzionalità gratuitamente, come editing e modalità di scatto professionale. Molte altre invece sono a pagamento sotto forma di abbonamento, ma incluso nel prezzo vi è ancora un comodissimo sistema di backup su spazio Adobe che consente di dimenticare il tanto limitato spazio base di iCloud Drive.

Adobe è un’azienda in continuo sviluppo

Negli ultimi dieci anni mi è capitato spesso di affidarmi ad applicazioni che puntualmente, dopo qualche anno, venivano abbandonate dai propri sviluppatori. Con Adobe tutto ciò non potrà capitare, poiché parliamo di un punto di riferimento per professionisti da decenni.

Investire tempo e risorse su Lightroom significa dunque poter contare su un’azienda che continua a sviluppare l’app, introducendo sempre nuove funzionalità e adeguando il software alle nuove tecnologie, come la compatibilità con i nuovi modelli di smartphone made in Cupertino.

Organizzazione e gestione delle immagini in-app

Lightroom ha in-app un sistema di gestione delle immagini altamente professionale, proprio come quello proposto nella versione desktop. Questo consente la creazione di cartelle e la classificazione di immagini in base a numerose opzioni. Tutto questo, per chi scatta molte fotografie, è di vitale importanza, poiché permette di non perdersi tra le numerosissime fotografie che affollano solitamente l’album di default del nostro iPhone.

Gestione di album e fotografie su Lightroom per iPhone
Gestione di tutte le fotografie e creazione dei singoli album.

Impareggiabili funzionalità Premium

Tra le funzionalità Premium proposte da Lightroom per iPhone, quindi a pagamento, ricordo la correzione prospettica e delle geometrie (in alternativa è possibile usare SKRWT), l’utilizzo di pennelli per la rimozione di alcuni dettagli (da alternare al forse migliore Retouch). Ma soprattutto l’acquisto di uno spazio Cloud di 20 GB o da 1T (1000 GB) per tutte le immagini scattate o importate sul programma Adobe per smartphone.

Opzioni di scatto su Lightroom per smartphone
Panoramica sulle ulteriori opzioni proposte dalla versione mobile di Lightroom: griglie di vari tipi in fase di scatto e scelta del formato.

Se quindi stai cercando un’app dal piglio professionale per scattare foto su iPhone, Lightroom è sicuramente la scelta migliore. E questo vale anche per chi non ha idea di come ritoccare le immagini e ricorre spesso ai filtri fotografici, perché sì, ci sono anche quelli.

Giulio Riotta

Giulio è fotografo professionista da oltre dieci anni. Al suo mestiere di creativo freelance ha sempre affiancato il desiderio di condividere la sua esperienza, raccontando il dietro le quinte di una vita trascorsa con la macchina fotografica tra le mani.

Read Previous

Huawei svela il suo sistema operativo Harmony

Read Next

Come scegliere un corso di fotografia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *