Power Bank di qualità

Power Bank di qualità

Desideri un power bank di qualità ma non sai quale scegliere? In verità, al di là dei prodotti più o meno buoni, esistono degli accorgimenti a cui dovrai porre molta attenzione, se volessi allungare la vita al tuo caricatore portatile.

Poi possono capitare problemi più o meno comuni, l’impossibilità di caricare l’iPhone con il power bank, il filo che si spezza, incompatibilità con gli smartphone o persino una mal gestione. Allora, quali accorgimenti bisogna tenere in considerazione?

4 Consigli per non rovinare il tuo power bank

  1. Osserva le temperature: il caricatore portatile non va caricato in ambienti la cui temperatura è sotto i 5 gradi o superiore ai 40 gradi.
  2. Ha raggiunto il 100%? Nel momento in cui ti accorgi che il power bank è completamente carico, allora potrai scollegarlo dalla corrente elettrica.
  3. Non abbandonare il power bank: se ci sono periodi in cui non lo usi, accertati di caricarlo saltuariamente (almeno una volta ogni tre mesi), altrimenti rischieresti per assurdo, di rovinare la batteria.
  4. Cicli di carica meno comuni: una soluzione anziché farlo scaricare e caricare completamente, è quella di farlo arrivare all’80% di carica massima e scaricarlo fino e non oltre al 20%.

Seppur il quarto consiglio possa sembrare contradditorio rispetto al secondo, di per sé quest’ultima regola va bene soltanto se fatto scaricare fino al 20%. Tali cicli di ricarica permettono al power bank di allungare la vita e mantenere la sua qualità sempre buona.

Power bank: quale scegliere per il tuo smartphone

Spesso ci si chiede quale power bank scegliere e quale dei tanti è compatibile con il proprio smartphone. Dando per scontato di scegliere un caricatore portatile di qualità, una osservazione corretta da fare riguarda la capacità di autonomia del device.

In verità, per scoprire il miglior power bank per il tuo device mobile, ti suggeriamo la Regola empirica:

Capacità del Power Bank (mAh) ÷ Capacità del Device × 0,7

Facciamo un esempio pratico affinché tu possa comprendere meglio il concetto. Se acquistassi un Power Bank di fascia media, con 12000 mAh, saresti in grado di caricare un iPhone 7 circa 4 volte, in quanto: 12000 ÷ 2000 × 0,7 = 4,2.

Non si tratta ovviamente di una legge standard, infatti le situazioni soggettive influenzano il risultato finale.

Ad esempio, se utilizzassi il tuo cellulare durante la carica, i tempi si allungherebbero notevolmente, così come se il device lo caricassi a partire dal 5% di carica e così via.

Hai capito come mantenere un power bank di qualità in condizioni ottime? Inizialmente non è semplice, ma con una buona abitudine riuscirai a farlo.

Danilo

su Supercellulari si occupa di redigere testi in ottica SEO, con posizionamento keyword, segue blog Internazionali per servire ai lettori di Supercellulari notizie fresche e Leak interessanti per i nostri visitatori.

Read Previous

Come ascoltare musica da Shazam

Read Next

Registrare con microfono esterno Android

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *