La Migliore Videocamera di Sorveglianza per Auto

La Migliore Videocamera di Sorveglianza per Auto

Scegliere la migliore videocamera di sorveglianza per auto a volte può avere diversi secondi fini. Le caratteristiche di queste Dashcam variano a seconda delle proprie esigenze. C’è chi le usa per proteggere il veicolo da atti vandalici, chi invece la usa come prova in caso di incidente.

Nonostante i differenti utilizzi, qualcosa che in realtà li accomuna c’è: per esempio la dimensione, la risoluzione e tanti altri piccoli aspetti, che spesso ci dimentichiamo che esistano e sottovalutiamo quello che in realtà ci potrebbe essere di grande aiuto, fare il giusto acquisto ci permette di avere un buon prodotto e di non buttare via i soldi.

Le caratteristiche da seguire per scegliere la nostra dashcam

Prima di inoltrarvi in acquisti improvvisati e che magari vi possono far pentire dei soldi spesi, dobbiamo avere le idee chiare su quello che stiamo cercando.

Le telecamere per auto vengono utilizzate non solo per proteggere il veicolo da atti vandalici, ma in molti le usano anche come se fossero delle action cam per registrare i “momenti salienti” e divertenti di un viaggio con il proprio mezzo a quattro e due ruote. ( Molti montano le Gopro sul casco della moto come fosse una Dashcam, infatti non è raro trovare su Youtube video di incidenti in moto filmati dalla videocamera sul casco )

1. Videocamera anteriore o posteriore?

L’utilizzo come avrai ben immaginato è differente. La migliore videocamera di sorveglianza per auto si suddivide in anteriore e posteriore, con uso e installazione differente in base a quello che volete fare sulla vostra auto.

  • Anteriore: molti la utilizzano per poi avere una prova in caso di sinistro stradale o semplicemente per registrare e poi pubblicare sui social network i momenti più belli e divertenti. 
  • Posteriore: in questo caso lo scopo è quello di avere una comodità in più, ovvero la possibilità di usufruire del sensore di parcheggio o per avere una visuale migliore in retromarcia oltre che una sicurezza in caso qualche furbacchione voglia fare dei danni alla vostra auto. Anche se posteriore viene utilizzata normalmente solo per mezzi grossi e ingombranti come sistema di sicurezza, molte volte la possiamo montare per avere un quadro completo della situazione.

Cosa potrebbe interessarti: la miglior videocamera per proteggere la casa

2. La risoluzione: HD, Full HD o 4K?

Qualsiasi Dashcam professionale per essere chiamata tale, non è detto che debba avere obbligatoriamente una risoluzione in 4K. Infatti, ce ne sono molte altre in HD e Full HD, il cui risultato è strabiliante, bisogna tenere in considerazione che l’importante è che abbia una buona qualità di registrazione, non serve sicuramente a registrare un film.

Ma al di là di queste tre caratteristiche appena accennate, in realtà c’è un altro aspetto che spesso viene sottovalutato: la visione notturna e la dimensione del grandangolo. La prima modalità ti consente di sorvegliare la tua auto anche in situazioni in cui la visibilità naturale è quasi assente (di notte) e dove molte volte avvengono il grosso dei danni alle auto.

Mentre il grandangolo dev’essere talmente grande, da riuscire ad inquadrare tutta la visuale in modo tale da osservare cosa accade, nel momento in cui l’automobile si trova in sosta e qualcuno compia qualche danno o peggio ancora, per registrare eventuali “oltraggi”. Ci vuole almeno una visione a 180° per permettere una inquadratura completa del vetro posteriore.

3. Le funzioni che non possono mancare nella vostra dashcam

La prima tecnologia essenziale che ci viene in mente, si chiama JDR. Quest’ultima non solo consente di registrare a lungo tutto ciò che avviene attorno alla tua auto, ma grazie al suo File System la memorizzazione dei filmati avverrà cronologicamente, al contrario di quanto accade con i FAT. Quindi grazie alla scheda di memoria potremo avere registrazioni continue di filmati senza dover fare nulla.

Anche la capienza della memoria non è da sottovalutare, infatti lo storage interno delle memorie JDR può arrivare fino a 128 GB rispetto alle classiche schedine da 32 GB, molte dashcam però consentono di ampliare la memoria di archiviazione inserendo una scheda sd supplementare, fate però attenzione alla qualità della schedina, rimanendo a lungo dentro la nostra telecamera deve avere una buona qualità, sotto il sole e con i vari sbalzi di calore molte volte rischiamo di veder cotti i nostri dati.

Uno dei capitoli più importanti va sicuramente riservato alle batterie, elemento fondamentale che ci serve per consentire una durata eccellente e la sicurezza di non rimanere soli nel momento del bisogno, grazie all’essenza dei componenti a condensatore o tampone.

Tra le migliori telecamere professionali per un’auto, un’altra caratteristica riguarda l’innovativa Advanced Driver Assistance Systems.

Stiamo parlando di una delle tecnologie maggiormente installate nelle auto di nuova generazione ma che molte volte non è di serie sulle nostre auto, questa tecnologia infatti ci avvisa con dei segnali sonori se stiamo uscendo dalla nostra linea bianca, sia per errore sia per causa voluta, questa tecnologia si ripromette di salvare la vita alle molte vittime di incidenti stradali causati da colpi di sonno e/o distrazione.

Ultimo aggiornamento il Settembre 21, 2019 1:13 am

Maurizio Festa

Maurizio si occupa di Web e di Mondo Digitale da parecchi anni, apre Supercellulari nel 2018 per provare a spostare l'asticella dell'interesse commerciale su argomenti meno noti alla massa è più di settore.

Read Previous

Come Pilotare un Drone con il Telefono

Read Next

Samsung S10 e Huawei P30; Il confronto di Supercellulari

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *